Fondo d'emergenza Google a favore delle Testate on line

Google mette a disposizione degli editori locali di piccole e medie dimensioni un fondo di soccorso.

C'è tempo fino al prossimo 29 aprile per presentare le candidature al Fondo d’emergenza creato da Google per le testate locali online.
Google ha messo a disposizione un fondo di soccorso per fornire un supporto agli editori locali di piccole e medie dimensioni.
Il programma è ambizioso e impegnativo: il Fondo lanciato da Google News Initiative intende fornire contributi economici a  supporto di migliaia di piccole e medie redazioni  locali in tutto il mondo per far fronte a questo momento di crisi.

“Una notizia che accolgo con grande positività – ha sottolineato il presidente del CORECOM Abruzzo, Giuseppe La Rana – sia per la valenza economico-finanziaria sia per il suo valore emblematico, in quanto costituisce il doveroso riconoscimento del puntuale ruolo svolto -anche da questi media- nell’interesse delle comunità locali in un momento particolarmente sfibrante e delicato dovuto al Covid-19."  

PROGRAMMA
Il programma globale consiste nel fornire finanziamenti i cui importi variano da alcune migliaia di Euro per le piccole redazioni locali ad alcune decine di migliaia per le redazioni più grandi. Ulteriori dettagli sul sito https://newsinitiative.withgoogle.com/journalism-emergency-relief-fund

SOGGETTI BENEFICIARI
Possono partecipare le imprese giornalistiche locali di piccole e medie dimensioni con una presenza digitale e una dimensione della redazione compresa tra 2 e 100 giornalisti. Possono presentare domanda anche le aziende con più di 100 giornalisti a tempo pieno, che saranno considerati a discrezione di Google, in base soprattutto alle diverse esigenze per Paese/area regionale. Tra i requisiti, viene richiesto che lo svolgimento dell’attività in digitale sia in corso da non meno di 12 mesi.

MODULISTICA PER LA DOMANDA
Il modulo per fare domanda è già disponibile sul sito web di GNI  https://newsinitiative.withgoogle.com/journalism-emergency-relief-fund/apply/ dove  vengono richieste informazioni di base relativi alla propria pubblicazione (nome, temi trattati, numero di giornalisti assunti a tempo pieno, previsioni sulle destinazioni e le modalità di spesa in caso d’assegnazione dei contributi ecc.).
Le domande potranno essere inviate fino al 29 aprile 2020 e saranno verificate e finanziate su base continuativa, per rendere i fondi disponibili il più rapidamente possibile.

VARIE
Sul canale YouTube di GNI , si trovano video esplicativi, con chiarimenti e risposte alle domande più frequenti.
Oltre al sito sopra riportato, è inoltre possibile  consultare il Google Blog Italia, o scrivere jerfund@google.com

Categoria: