ACCESSO TELEVISIVO E RADIOFONICO, PRESENTATO PROTOCOLLO D’INTESA TRA CO.RE.COM ABRUZZO E RAI

E’ stato presentato questa mattina a Pescara il protocollo d’intesa tra Co.Re.ComAbruzzo e Rai per l’accesso televisivo e radiofonico alle trasmissioni regionali. Alla conferenza stampa hanno partecipato il Presidente del Co.Re.Com Abruzzo Filippo Lucci, il capo redattore del Tg3 Abruzzo Silvano Barone e il responsabile della Rai sede regionale Abruzzo Massimo Liofredi. “L’obiettivo di questo importante accordo – ha spiegato Lucci - è consentire gratuitamente ad associazioni culturali, di volontariato e del terzo settore, sindacati, enti e movimenti politici il diritto d’accesso alle trasmissioni televisive e radiofoniche regionali della Rai, attraverso programmi della durata massima di 5 minuti per la televisione e di 3 minuti per la radiofonica. I soggetti interessati possono presentare domanda al Co.Re.Com per poter partecipare ai programmi radiotelevisivi Rai a diffusione regionale e svolgere attività di comunicazione attraverso le trasmissioni autogestite. Il Co.Re.Com esamina le richieste, ne valuta l’ammissibilità e adotta il piano trimestrale delle trasmissioni radiofoniche e televisive, che viene pubblicato sul sito [http://www.corecomabruzzo.it/] e trasmesso alla Sottocommissione Parlamentare per l’accesso, svolgendo inoltre l’attività di vigilanza. La decisione sulla domanda di accesso viene comunicata direttamente agli interessati ed è possibile inoltrare ricorso entro dieci giorni dal ricevimento della comunicazione. Queste trasmissioni possono essere realizzate con mezzi propri o con la collaborazione tecnica gratuita della sede regionale Rai. La Direzione della sede regionale per l’Abruzzo, effettuerà la messa in onda concordata con Rai3 dalle ore 7,30 alle ore 8,00 di ogni sabato e dalle ore 23,30 alle 23,50 del sabato su Radiouno. " Il Corecom Abruzzo - conclude Lucci - si conferma punto di riferimento per la comunicazione regionale con iniziative e attività che vanno a vantaggio di tutti i cittadini, con particolare riguardo ai più deboli e alle comunità locali. 

Convegno su fakenews e cyberbullismo e consegna del Vademecum

Nell'aula magna del convitto nazionale "Melchiorre Delfico" al convegno "Fake news e Cyberbullismo” il Corecom, in una sala gremita di studenti, ha dato vita ad una vera e propria lezione sui pericoli dei nuovi media ed in particolare dei social network.

Tutti i relatori hanno informato i ragazzi dei gravi pericoli che si corrono abusando della rete e dei social network come facebook e whatsapp. Rischi che a volte si trasformano in reati che inconsapevolmente si possono commettere. Ai ragazzi sono stati inoltre forniti strumenti per evitare di ritrovarsi vittime del cyberbullismo ma anche per essere inconsapevolmente dei bulli che commettono reati tramite la rete.

Filippo Lucci ha ricordato le numerose iniziative messe in campo dal Corecom Abruzzo in questo settore come lo sportello della web reputation e del cyber bullismo, affermando che il Corecom è stato il primo organismo ad aprire in ambito nazionale un contatto con gli adolescenti grazie anche alla collaborazione della Polizia postale. "E' un programma ancora in corso- ha detto Lucci – abbiamo quasi cinquanta tappe itineranti da tenere in tutta la Regione su questi temi.

Noi abbiamo fatto una scelta precisa – ha concluso - Monitorare questo settore ed essere in prima linea per combatterlo. Credo che l'Abruzzo su questi temi oggi rappresenti un caso che fa "scuola" a livello nazionale."

Tra gli illustri ospiti interventi spiccano i nomi di Pietro Mennini (Procuratore Generale presso la Corte d'Appello dell'Aquila), Alessandro Iacoboni (Presidente del tribunale di Teramo) e Ivana Nasti (Direttore Agcom). Tra i relatori si sono avvicendati, Laura Colica (Sostituto procuratore della Repubblica di Teramo), Roberto Polella (Procuratore della Repubblica presso il Tribunale dei minori dell'Aquila) e Antonio Guerriero (Procuratore della Repubblica di Teramo). Ha moderato l'incontro il giornalista del quotidiano Il Centro, Rossano Orlando.

Agli studenti presenti è stato consegnato il manuale redatto dal Corecom Abruzzo su cyberbullismo e web reputation, una mini guida di facile comprensione su come difendersi dai pericoli della rete.

scarica il Vademecum del Corecom

eventi e pubblicazioni

  • Corecom e Polizia Stato a Pescara e a Teramo

    Pescara e Teramo sono state le città abruzzesi toccate dal tour italiano della Polizia di Stato realizzato allo scopo di educare gli studenti sui temi dei social network e del cyberbullismo. In tutto 47 tappe per la campagna "Una vita da social" che ha visto protagonista un tir attrezzato di sala incontri, computer e altre tecnologie che è sostato nelle piazze delle maggiori città italiane. L'Abruzzo ha ospitato il camion "antibullismo" a Pescara il 26 marzo e a Teramo il 27. A fianco della Polizia Postale c'è stato  anche il Corecom Abruzzo che con i suoi esperti ha contribuito a fare formazione sui temi oggetto della campagna. "Una presenza istituzionale molto importante – sottolinea il Presidente Corecom, Filippo Lucci – Collaboriamo da tempo con la Polizia Postale abruzzese e la partecipazione congiunta a questo evento suggella il patto siglato con le forze di polizia a tutela della salute fisica e psicologica degli adolescenti. Informare ed educare, prevenire e partecipare, sono...

    Leggi tutto...

AGCom Regione Abruzzo Consiglio Regionale Abruzzo